Il rischio biologico negli ambulatori “Prime Cure” INAIL. Proposta di valutazione attraverso una metodologia integrata.
A cura della Consulenza Tecnica Accertamento Rischi e Prevenzione (CONTARP) dell’INAIL, 2015

La pubblicazione ha lo scopo di uniformare la metodologia e le procedure di accertamento del rischio biologico occupazionale negli ambienti sanitari (Ambulatori “Prime Cure” INAIL, ove non si fa utilizzo deliberato di agenti biologici), utilizzando il metodo “Bio-Ritmo”, elaborato da INAIL e ARPA della Liguria per le attività dei laboratori chimici e biologici e successivamente generalizzato per permetterne l’applicazione in differenti settori lavorativi.

La metodologia si sviluppa attraverso tre fasi successive:

  • Raccolta sistematica organizzata di dati relativi ad ambiente, attività e procedure di lavoro, con rilevanza ai fini dell’analisi delle fonti di pericolo nel contesto vigente
  • Inserimento dei dati in un algoritmo di valutazione dei rischi ampiamente utilizzato in Igiene Industriale per la valutazione semiquantitativa degli stessi
  • Individuazione e pianificazione degli interventi migliorativi da attuare.

La somministrazione di un questionario sulla percezione del rischio al personale interessato completa la valutazione dei rischi. E’ previsto il monitoraggio della contaminazione microbiologica ambientale, che si avvale di una metodologia di campionamento e di analisi standardizzate sia per via inalatoria sia per contatto diretto.